Alla scoperta di un’insolita Pisa tra piazze, ponti e antiche leggende

I pisani sono abituati a vedere la loro città circondata da turisti curiosi e affascinati dalla famosa torre pendente; eppure oltre a monumento che ha reso Pisa famosa in tutto il mondo c’è di più, luoghi e segreti poco conosciuti che soltanto chi vive da vicino la città toscana conosce.

Normalmente i turisti stranieri fanno tappa a Pisa durante uno dei loro estenuanti tour tra le principali città d’Italia: una volta viste le attrazioni principali risalgono sul pullman e via verso la prossima meta. E se invece qualcuno riuscisse a mostrare loro un nuovo punto di vista sulla città?

The Duomo & Leaning Tower of Pisa, Italy

The Duomo & Leaning Tower of Pisa, Italy

Foto da sitomito.net

Per farlo occorre prima di tutto iscriversi al migliore corso di inglese a Pisa, come per esempio quello offerto da Wall Street English basato sul metodo dell’apprendimento naturale delle lingue straniere. Una volta conquistate le giuste doti comunicative, seguendo i propri ritmi di studio e apprendimento, si può passare all’organizzazione di un tour alternativo della città.

Pisa è una città di ponti e di Lungarni perché dunque non consigliare i turisti di fare una lunga e romantica passeggiata a bordo fiume? Lungo il percorso si potranno ammirare i Ponti di mezzo, il più antico della città, Ponte della vittoria, Ponte solferino, Ponte della cittadella e Ponte della fortezza, il più stretto e anche il più amato dai pittori.

L’altra tappa obbligatoria per chi vuole conoscere il lato più pop di Pisa è rappresentata dal murales Tuttomondo realizzato da Keith Haring qualche mese prima della sua morte. L’opera di 180 mq ricopre l’intera parete dell’ex convento adiacente alla Chiesa di Sant’Antonio e rappresenta l’umanità e la pace nel mondo.

da-vcostantini.eu

Foto da vcostantini.eu

Un altro itinerario interessante e originale riguarda le principali piazze della città, da sempre centro della vita cittadina e un ottimo punto di espressione culturale.

Di piazza in piazza si potranno scoprire Piazza delle Vettovaglie, dove si teneva il mercato della carne, Piazza Dante, centro delle principali facoltà universitarie e Piazza Garibaldi, dove troneggia appunto la statua di Giuseppe Garibaldi; e ancora Piazza Sant’Antonio, Piazza dei Cavalieri con la Scuola Normale di Pisa e Piazza XX Settembre, detta anche Piazza dell’Orologio.

Ovviamente Piazza dei Miracoli non va certo trascurata, ma anche in questo caso se ne può conoscere un lato più oscuro, osservando la fiancata nord della Cattedrale di Santa Maria Assunta, di fronte al Camposanto. Qui è presente un pezzo di marmo di origine romana caratterizzato da molte infossature, chiamate le Unghiate del Diavolo. Secondo la leggenda infatti il diavolo si arrampicò su quella facciata per raggiungere il tetto della chiesa e impedirne la costruzione, ma fu scacciato dalla forza divina.

Share