Calabria

Punta dello Stivale, la Calabria è una terra aspra bagnata dai mari: a ovest c’ è il Mar Tirreno, a Est il Mar Ionio, a nord-est lo “spicchio del Golfo di Taranto. Terra di mare, la Regione presenta una costa frastagliata, dove i tratti irregolari si alternano i numerosi Golfi, come quello di Squillace, quello di Policastro e di Sant’Eufemia. Le provincie sono Reggio Calabria, Cosenza e Catanzaro. Oltre la linea della costa, la Calabria vanta due isole: l’isola di Cirella, di fronte alla cittadina di Diamante, e l’Isola di Dino, di fronte al centro di Praia a Mare. Particolare è la cosiddetta Isola di Le Castella, in acque joniche, sorta di “penisola” legata alla terraferma sa un lembo di terra. Infine, scogli, faraglioni ed isolotti: tra loro, gli scogli di Capo Vaticano, lo Scoglio Incudine e lo “Scoglio dello Scorzone”. Riguardo la terraferma, essa è dominata da rilievi: 49,2% di colline e 41,8% di montagne. Proprio le montagne sono la parte forse più conosciuta della Regione. Il massiccio del Pollino è a nord, al confine con la Basilicata. A sud, si trova l’Aspromonte, famoso come rifugio di latitanti e luogo d’illegalità; tra le sue cime svetta il Montalto, o Monte Cocuzza, con i suoi 1955 metri. Al centro vi è l’altopiano della Sila, con una natura ancor’oggi incontaminata, i cui boschi di aghifoglie e latifoglie arrivano fino al mare. Infine, la Piana di Sant’Eufemia e quella di Gioia Tauro sono separati dal Monte Poro, circa 710 metri. Infine, le pianure, solo il 9% del territorio. Tra esse spicca, la piana di Gioia Tauro, maggiore per estensione. Da sempre, tale piana è la zona più abitata del territorio, soprannominata dai coloni romani e bizantini Vallis Salinarum, valle del sale, per i depositi di nutriente. Col Medioevo, la presenza umana si riduce e la piana si guadagna la fama di “(zona) quasi tutta inculta e piena di cespugli e boschi” che oggi rimangono in minima parte. Ben più diffusi gli alberi coltivati: sopratutto agrumi ed olivi, il cui indotto rappresenta la spina dorsale dell’economia.

Share