Firenze

Nel mondo, ci sono poche città che rappresentano l’Italia quanto Firenze (373.000 abitanti circa). Grazie alla sua ricca storia, in primis all’illuminato governo dei Medici, la città è un museo a cielo aperto, ricchissima di arte, storia e bellezza, capace di attirare visitatori e turisti in quantità. Come se ciò non bastasse, Firenze è al centro di un territorio meraviglioso Così, tra le tante “offerte” locali, ecco il Ponte Vecchio, costruito nel Medioevo su un’originale struttura romana. All’inizio, le sue botteghe ospitano macellai e norcini, spostati lì dal governo cittadino per migliorare il decoro urbano. Poi, Ferdinando I mette al loro posto orafi e gioellieri, la cui opera è ritenuta più degna della zona. Nel corso della sua storia, il Ponte è stato in grado di resistere a diverse alluvioni ed all’azione dei tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale. Il ponte ospita la Statua di Benvenuto Cellini, centro di un’usanza locale: gli innamorati appendono lì un lucchetto, lo chiudono e buttano la chiave nell’Arno, come simbolo della durata del legame. Rigida e possente, la Fortezza da Basso protegge la città. A differenza di altre strutture dell’epoca, presenta una pianta irregolare, creata ad hoc per assorbire le mura preesistenti. Mentre le mura esterne sono realizzati in mattoni (economici e facilmente rimpiazzabili), il Mastio è in pietra forte, le pareti abbellite con motivi a palle e diamanti, in onore dei signori medicei. Oggi, la Fortezza ospita la Sala Ottagonale: al suo interno, si nota subito la volta di mattoni in spina di pesce ed i disegni, opera di Antonio da Sangallo il Giovane. I Giardini della Fortezza sono l’area verde della Foresta da Basso. Creazione dell’architetto Pozzi nella seconda metà dell’Ottocento, rappresentano la razionalizzazione del terreno. Sono composti da tre zone sfalsate che ospitano una serie di alberi che circondano il bacino centrale, dove un branco di cigni reali vive tra le fontane. Menzione particolare per la flora: le varietà sono state scelte con cura, al fine di creare legami di forma e colori diversi per ogni stagione.

Share