Grosseto

E’ probabile che Grosseto (82.000 abitanti circa) abbia lontane origini etrusche, come testimoniato dalle numerose vestigia archeologiche e dallo stemma cittadino, dove il grifone rampante è chiaro simbolo di tale popolo. Detto questo, la città ha la prima menzione ufficiale nell’agosto 803, quando un documento dell’epoca stabilisce come l’antica chiesa di San Giorgio ed i suoi beni sono dati in concessione ad Ildebrando Aldobrandeschi ed alla sua famiglia, i conti della Maremma Grossetana. Grosseto ebbe sempre rapporti favorevoli con gli Aldobrandeschi e gli altri nobili: questi favorirono l’espansione della città, attirando popolazione tramite opere urbane come la cinta muraria. Lo stesso Sacro Romano Impero tenne la città in alta considerazione, con l’Imperatore Federico II più volte disposto a visitarla di persona. Nel Trecento, Grosseto entra nel complicato gioco militare dei Comuni italiani: risultata perdente, venne più volte sconfitta ed invasa, con conseguente posizione politica di secondo piano. Da quell’epoca bellicosa arrivano strutture come la Torre della Trappola, posta tra le località moderne di Principina a Mare e la foce del fiume Ombrone, sul lato nord del Parco della Maremma. Nata in epoca medievale, la Torre della Trappola è una struttura completa, dove le fortificazioni sono completate da edifici civili (l’antico porto e le saline) e religiosi (un’antica chiesa). Il complesso della Torre funzionò fino all’esaurimento delle saline (‘700): in seguito divenne transito doganale ed oggi è proprietà privata. Invece l’area archeologica di Roccelle testimonia la dimensione e la qualità della presenza etrusca. Lucumonia di grandi dimensioni, Roccelle fu uno dei centri più attivi del V secolo a.C., partecipando in prima persona alle guerre tra i popoli del centro Italia e la nascente potenza romana. La conquista di Roma tolse l’indipendenza ma donò nuovo strutture: i resti rinvenuti parlano di un Foro, di una Basilica, e di un complesso edificio per la raccolta dell’acqua, culminante in un complesso termale.

Share