L’isola del Giglio, un paradiso naturale nel cuore dell’arcipelago toscano

Tristemente nota alla cronaca di tutto il mondo per la tragedia della Costa Concordia, l’isola del Giglio deve la sua fama turistica all’essere innanzitutto un paradiso naturale. Siamo nell’Arcipelago Toscano, nel territorio della provincia di Grosseto, a oltre 400 metri sopra il livello del mare.

I motivi per decidere di trascorrere qui le vostre prossime vacanze sono molteplici. L’isola del Giglio accoglie innumerevoli attrazioni che l’hanno resa, negli ultimi decenni, una delle mete vacanziere più apprezzate del territorio italiano. Cominciamo dalla natura, la vera protagonista dell’isola. Il Giglio è infatti una vera e propria oasi di biodiversità. Alla vegetazione, decisamente rigogliosa, corrisponde una fauna se possibile ancor più varia. Tra le specie presenti sull’isola mufloni, conigli selvatici, diverse varietà di pipistrelli e una gran abbondanza di specie di uccelli. Se siete appassionati di sport acquatici, troverete grande interesse nell’esplorare il mondo sommerso del Giglio. Immergendovi nelle acque antistanti l’isola potrete non solo ammirare diversi esemplari acquatici, ma anche affascinanti reperti archeologici.

Per chi preferisce una vacanza meno avventurosa e predilige le mete d’arte, il Giglio non sarà di certo una delusione. Sull’isola sono conservate diversi capolavori artistici tra i quali spicca la splendida Chiesa di San Pietro Apostolo, un edificio in stile settecentesco e ottocentesco situato nella frazione di Giglio Castello. Decisamente suggestive sono, inoltre, le torri di avvistamento costruite dirimpetto al mare. Le più belle sono certamente la Torre del Saraceno, la Torre del Campese, la Torre del Lazzaretto e il Castellare del Giglio.

Recatevi nella frazione di Giglio Porto per passeggiare tra stradine caratteristiche, visitare botteghe tipiche e assaggiare delizie della cucina toscana nelle tante gastronomie della zona. Il Giglio, con le sue meraviglie naturali e artistiche, è facilmente raggiungibile in traghetto da Porto Santo Stefano. Per conoscere tutta l’offerta e scoprire gli orari dei traghetti per l’isola del Giglio, non dovrete fare altro che consultare il web. Il servizio, garantito da diverse compagnie, è attivo dalle prime ore del mattino a sera inoltrata.

Guida ai monumenti di Firenze

La città di Firenze attrae ogni anno un gran numero di turisti, questa è il capoluogo della Toscana e si trova nella pianura che costeggia l’Arno. Il centro storico di questa città è ricco di edifici ed opere d’arte da ammirare.

Tra i tanti luoghi di interesse, che vi sono a Firenze, vediamo quali sono i monumenti fiorentini che vanno assolutamente visitati. Tra questi vi sono:

Duomo, Campanile di Giotto, Battistero e cupola di Brunelleschi: la Cupola di Brunelleschi domina letteralmente la città, a Firenze non esiste una costruzione più alta, il Campanile, invece, è stato progettato da Giotto anche se morì prima di vedere terminata la sua opera. Il Battistero è tra gli edifici più antichi di Firenze, questo è stato costruito nel IV secolo e possiede delle porte stupende che narrano la storia della Bibbia tramite immagini. Anche il Duomo, ossia la chiesa di Santa Maria del Fiore, è una struttura molto affascinante, con le sue facciate lavorate con marmo bianco e verde. Questo insieme di monumenti è di rara bellezza e non se ne trovano di simili in nessuna altra città;

Ponte Vecchio: si tratta di uno dei ponti più belli che esistono al mondo, parte da Palazzo Vecchio ed arriva sino a Palazzo Pitti, attraversando la Galleria degli Uffizi ed una serie di botteghe artigianali. Il Ponte vecchio ha una lunghezza di quasi un chilometro;

Uffizi: in questo luogo sono custodite moltissime opere realizzate da artisti famosi, come ad esempio Tiziano, Cimabue, Giotto, Raffaello e Caravaggio. È una meta molto ambita dagli appassionati d’arte i quali, giunti in questa struttura, saranno avvolti da opere di vario genere e risalenti a secoli diversi tra loro. La sala che accoglie i turisti è quella del Trecento, qui si trovano le tre pale di Giotto, Cimabue e Duccio di Buoninsegna, le quali ritraggono la Madonna in trono con il Bambino. Successivamente potrete ammirare una serie di bellezze, gli Uffizi sono molto grandi, per questo motivo bisogna dedicare molto tempo alla loro visita;

Palazzo Vecchio: si trova in Piazza della Signoria, la caratteristica principale di questo edificio è la sua grandezza, fotografarlo per intero è praticamente impossibile. Si tratta di uno dei migliori esempi di architettura civile del ‘300, la zona più imponente del palazzo è la Torre di Arnolfo, questa è alta 94 metri e la sua costruzione risale al 1310, in vetta si trova la bandiera con il giglio fiorentino. All’ingresso dell’edifico di trova una copia del David di Michelangelo. Altri luoghi di grande interesse sono Cappella Brancacci, la Basilica di Santa Croce e la chiesa di Dante e Beatrice.

Share