Pasqua Costiera Amalfitana

Poter soddisfare e realizzare il proverbio: “Natale con i tuoi…Pasqua con chi vuoi”, cioè trascorrerei una Pasqua diversa e quindi tre giorni diversi dal solito, si consiglia la Costiera amalfitana che consente un soggiorno gradito all’aria aperta. La Costiera Amalfitana, dal clima mite e soleggiato tutto l’anno, dichiarata Patrimonio dell’Umanità, è una delle più note e belle località italiane; un incantevole luogo cinto dai monti e dalle acque di un limpido color smeraldo.  Per chi sale da Salerno, tra le serpeggianti curve da Vietri a Positano, ritrova con entusiasmo le numerose piazzole di sosta a picco sul mare, dove è possibile fermarsi a contemplare l’inconsueto panorama di questa zona. Anche le famosissime isole partenopee di Capri e Ischia si possono raggiungere facilmente da qui. Inoltre ogni anno, e tutto il mondo, provengono numerosi turisti conquistati non soltanto dal mare, ma dalla storia e dall’artigianato. A Conca dei Marini si può visitare la Grotta dello Smeraldo, il cui nome deriva del colore dell’acqua che riflette la luce proveniente dalle rocce, usata anche come set cinematografico in una fiction televisiva; alla grotta. Si arriva via mare o dalla strada tramite un ascensore. Altra incantevole zona è Positano, che accoglie un turismo unico al mondo; di fronte c’è l’arcipelago de Li Galli, antico e mitico luogo in cui pare avessero dimorato le sirene che incantarono Ulisse. Da precisare che tutti i paesini della costiera, piuttosto simili tra loro, presentano le spiagge a livello del mare e collegate tra di loro da una serie infinita di scalette, in alto si trova il centro storico con case e dimore antiche. Ricordiamo la ricchezza dei limoni della Costiera Amalfitana e la loro caratteristica dolcezza da essere gustabili anche a spicchi con poco zucchero; da essi si ricava il gustosissimo Limoncello.

Share